top of page
  • Immagine del redattoreDott. Valerio Lenzoni

LA SOSTANZA GRIGIA PERIACQUEDUTTALE (PAG)

Aggiornamento: 21 ott 2023


La sostanza grigia periacqueduttale (PAG), dall'inglese Peri-Aqueductal Gray, riveste un ruolo fondamentale in diverse funzioni neurologiche, come la modulazione del dolore, la regolazione del comportamento di difesa, la regolazione del comportamento riproduttivo e la modulazione dello stato di coscienza.



Nell'analgesia, la PAG è centrale nella modulazione del dolore attraverso la via discendente rafe-spinale. La stimolazione della PAG attiva neuroni che rilasciano encefalina e si proiettano ai nuclei del rafe nel tronco encefalico, eccitando il nucleo magno del rafe. La serotonina (5-HT) liberata dai nuclei rafe scende nel corno dorsale del midollo spinale e forma connessioni eccitatorie con interneuroni encefalinergici inibitori nella lamina II del grigio midollare (sostanza gelatinosa di Rolando). Quando attivati, questi interneuroni rilasciano encefalina e dinorfina (neurotrasmettitori oppioidi endogeni) che si legano ai recettori oppioidi μ sulle fibre C/Aδ che trasportano segnali di dolore dai nocicettori periferici.


L'attivazione dei recettori μ-oppioidi inibisce il rilascio di sostanza P dai neuroni di primo ordine e l'attivazione del neurone di secondo ordine responsabile della trasmissione del segnale dolore dal tratto spinotalamico ai nuclei ventroposterolaterali (VPL) del talamo. Questo processo blocca il segnale nocicettivo prima che raggiunga le aree corticali che interpretano il segnale come "dolore" (ad esempio, il cingolo anteriore). Questa teoria è conosciuta come teoria del controllo del cancello e viene supportata dal fatto che la stimolazione elettrica del PAG provoca analgesia immediata e profonda.


La PAG viene anche attivata dalla visualizzazione di immagini fortemente associate al dolore. Esistono tre tipi di recettori oppioidi: mu (μ), kappa (κ) e delta (δ). Gli oppiacei sintetici e i derivati degli oppiacei attivano questi recettori (a volte agendo direttamente sulla PAG, dove questi recettori sono molto concentrati) per produrre analgesia. Questi farmaci includono morfina, eroina, petidina, idrocodone, ossicodone e composti analgesici simili.


LA PAG NEL FREEZING

La sostanza grigia periacqueduttale (PAG) svolge un ruolo importante nella regolazione del comportamento di difesa, tra cui il "freezing" (immobilità). Il freezing è una risposta comportamentale difensiva osservata in molti animali, tra cui i ratti, in presenza di una minaccia o di un pericolo. Durante il freezing, l'animale rimane immobile per ridurre la probabilità di essere rilevato o attaccato da un potenziale predatore.

La PAG è coinvolta nella regolazione di questo comportamento attraverso l'integrazione delle informazioni sensoriali e la modulazione delle risposte motorie e autonome. La stimolazione delle aree dorsali e laterali della PAG può innescare risposte comportamentali difensive, tra cui il freezing. Inoltre, la PAG riceve input da altre aree del cervello, come l'amigdala, che è coinvolta nella percezione e nella valutazione delle minacce.

Durante il freezing, l'attività della PAG viene modulata per coordinare le risposte autonomiche, come la tachicardia e l'aumento della pressione sanguigna, che preparano l'organismo alla fuga o alla lotta in caso di necessità. Inoltre, il freezing può facilitare la valutazione della situazione da parte dell'animale e l'elaborazione delle informazioni sensoriali, consentendo una scelta più informata sulle azioni da intraprendere.


In sintesi, la sostanza grigia periacqueduttale (PAG) svolge un ruolo cruciale nella regolazione del comportamento di difesa, tra cui il freezing, coordinando le risposte motorie e autonomiche e ricevendo input da altre aree cerebrali coinvolte nella percezione e nella valutazione delle minacce.



26 visualizzazioni

Post correlati

Mostra tutti

LA PAURA

Comments


bottom of page