STITICHEZZA E FISIOTERAPIA

La stipsi o stitichezza non è una patologia bensì un sintomo e come tale si esprime per una causa ben precisa. Vengono proposti tantissimi trattamenti per la stitichezza e la maggior parte sono di tipo sintomatico (incentrati sull’uso di farmaci o prodotti erboristici) e non mirano a risolvere la vera causa o le cause.

Cosa è la stitichezza o meglio la stipsi?

Il termine "stipsi" indica una difficoltà nell'espletamento della funzione intestinale che può incidere notevolmente sulla qualità di vita. È rappresentata da un’evacuazione rara non preceduta da uno stimolo oppure da un’evacuazione non soddisfacente poco produttiva con senso di difficoltà all'espulsione con eccessivo ponzamento(spinta). È una problematica molto frequente che interessa circa il 15% della popolazione soprattutto di sesso femminile ed aumenta con l'avanzare dell'età. È più frequente in chi è depresso o sottoposto a stress psicologici. La normale frequenza di defecazione varia da persona a persona, ed indicativamente dovrebbe essere da tre evacuazioni al giorno a tre alla settimana (valori considerati normali).

Cause della stipsi

Possiamo individuare due tipi di stipsi: acuta(transitoria) o cronica. La stipsi transitoria è frequente:

  1. durante la gravidanza;

  2. nei cambi di luogo ed abitudini alimentari (es. viaggi);

  3. in persone sedentarie che non si idratano in maniera sufficiente;

  4. nel periodo che segue interventi chirurgici;

  5. dopo l'utilizzo di antibiotici.

La stipsi cronica invece può essere causata da:

  • disfunzioni motorie intestinali e/o anorettali;

  • da patologie come la diverticolosi;

  • malattie infiammatorie croniche intestinali;

  • tumore del colon-retto;

  • Diabete;

  • Parkinson;

  • altre malattie neurologiche.

 

Anche alcuni farmaci come anestetici, analgesici, antiacidi, anticolinergici e antidepressivi possono rallentare il transito delle feci lungo l'intestino. Spesso la stipsi si sovrappone alla sindrome dell'intestino irritabile aggiungendo ai sintomi sopra descritti anche la presenza di dolori addominali o di gonfiore.

Sintomi

i sintomi più comuni sono:

  • ridotta frequenza di evacuazioni (meno di tre alla settimana);

  • presenza di feci dure ("caprine");

  • sforzo eccessivo e prolungato durante la defecazione;

  • senso di ostruzione o blocco anale;

  • sensazione di evacuazione incompleta;

  • ricorso a manovre manuali o ausili tipo clisteri e supposte.

Diagnosi

L'approccio con il paziente con stipsi si basa inizialmente su un'anamnesi accurata e l'esame clinico. Le procedure diagnostiche utilizzate sono volte ad identificare la causa organica o funzionale della stipsi e saranno scelte dal medico sulla base dei sintomi del paziente e sui dati rilevati clinicamente.

In molti casi sono sufficienti cambiamenti nell'alimentazione, idratazione e nello stile di vita per alleviare i sintomi e gestire la stipsi. Ecco alcuni consigli:

  • regolarità negli orari dei pasti: la regolarità nell'alimentazione aiuta il benessere intestinale;

  • dieta con fibre;

  • esercizio regolare: l'attività fisica facilita l'attività intestinale;

  • adeguato apporto di liquidi: bere acqua aiuta a mantenere un buon transito delle feci che sono più morbide;

  • dedicare il giusto tempo per le funzioni intestinali;

  • lassativi: vi si ricorre quando i cambiamenti nell'alimentazione e nello stile di vita non sono sufficienti.

Qual è il ruolo del fisioterapista?
 

Spesso anche in ambito medico si dimentica che alcune problematiche possano essere di natura muscoloscheletrica e che possano essere risolte o migliorate con la fisioterapia. La stitichezza è una di queste problematiche, infatti ne esiste un’ulteriore classificazione, la stipsi funzionale da dissinergia del pavimento pelvico ovvero quando c'è assenza di rilasciamento del muscolo puborettale (un muscolo che compone il pavimento pelvico che collega il pube al retto) durante il ponzamento.

Cosa può fare il fisioterapista?
 

Un pavimento pelvico sano è un pavimento pelvico che si contrae e si rilascia in modo fisiologico, la fisioterapia anche in caso di stitichezza è una valida soluzione e alternativa all’uso di farmaci lassativi e sicuramente di aiuto affiancata ad una alimentazione sana e adeguata per il problema.

 

Postura ideale anche in bagno

La postura è una cosa fondamentale, anche in bagno, infatti sempre più studi sottolineano l’importanza della posizione che manteniamo sul WC per favorire la defecazione; quella più diffusa e con i maggiori risultati è la posizione accovacciata, la stessa che si usa in un bagno alla turca. In questo modo si rilassa il muscolo puborettale che come detto prima potrebbe impedire il normale transito delle feci. Come possiamo ottenere in casa nostra la posizione accovacciata, senza usare necessariamente una turca? Possiamo utilizzare un panchetto o una scatola rigida posizionata sotto i piedi, ottenendo una posizione in cui le ginocchia si trovano poco sopra le anche. Una volta ottenuta la giusta postura sul wc non resta che rilassare il pavimento pelvico e se tutto è nella normale fisiologia la defecazione non dovrebbe avere ostacoli. Un ottimo aiuto viene sicuramente dalla respirazione diaframmatica, anche in bagno.

Respirazione diaframmatica

La respirazione diaframmatica rappresenta una sorta di massaggio per muscoli e organi interni, favorisce la peristalsi intestinale oltre a garantire un benessere psicofisico generale interagendo attivamente con il sistema nervoso autonomo.

 

Cerchiamo di praticarla ogni giorno, anche 10 minuti mentre ci rilassiamo prima di dormire, ma anche da seduti con la schiena appoggiata allo schienale della sedia, mettiamo una mano sulla pancia e con gli occhi chiusi iniziamo a concentrarci respirando lasciando che si gonfi la pancia anziché con il torace.

 

Non rinviare lo stimolo

Più tempo la tratteniamo e maggiore sarà la disidratazione che le feci subiscono nell’intestino: saranno sempre più dure e sempre più difficili da espellere. Inoltre l’intestino lavora bene se abituato a lavorare alla stessa ora ogni giorno, se siamo precisi e abitudinari lo sarà anche il nostro intestino.

 

Toilette training, educhiamo il nostro intestino

 

Una pratica utile per chi soffre di stitichezza è quella di regolarizzare l’evacuazione attraverso un vero e proprio training che condizionerà l’intestino a lavorare sempre alle stesse ore.

 

Come farlo:

  • scegliere un momento del giorno dove non si va di fretta e magari si è soli dentro casa (dopo colazione per esempio);

  • anche se non è presente lo stimolo sedersi sul wc con le dovute precauzioni posturali il panchetto sotto i piedi e rilassare l’addome, respirando con il diaframma questo favorisce il transito intestinale;

  • Non rimanere più di 10/15 minuti, può essere utile alzarsi ogni tanto e ricominciare;

  • Non spingere mai; la spinta dovrebbe essere unica e non troppo forte solo nel momento in cui sentiamo che l’ampolla rettale è piena e sta per svuotarsi. Spingere a sfinimento senza stimolo non porta a nulla e può sfiancare il pavimento pelvico e causare spiacevoli inconvenienti al plesso emorroidario;

  • Se si ripetono quotidianamente le sequenze si può tornare ad avere una maggiore regolarità intestinale nel giro di qualche settimana.

 

Conclusioni

 

Un fisioterapista specializzato saprà individuare le cause che gli competono e risolvere in poche sedute le suddette problematiche, a volte ricorrendo anche a tecniche manuali sull’addome e sul pavimento pelvico e ovviamente se dovesse essere necessario saprà indicare al paziente le dovute visite specialistiche e inviarlo dal medico più competente. Anche in questo caso il lavoro in equipe tra medici, fisioterapisti, nutrizionisti e preparatori atletici laureati è la chiave per risolvere molte problematiche, tra cui la stitichezza.

Dott. Davide Romano
Fisioterapista